martedì 21 settembre 2010

La giornata tipo della tesista

Ore 8.00 Canillo si approssima al mio letto cercando di attirare la mia attenzione a suon di "woof" e grattatine. Se si arrende se ne va, altrimenti rimane lì a fissarmi dormire e con l'unico intento di svegliarmi.
Ore 8.30 La vecchiaccia con la suoneria isterica inizia a ricevere telefonate a cui risponde "Bronto?" e deve parlare esclusivamente sul suo balcone (in camera mia cioè) con la sua soave voce da strega di Biancaneve.
Ore 9.00 Ritiro sacchetti della differenziata con canto degli addetti incluso (mi sa che ricevono un incentivo, non si spiega).
Ore 10.00 Risveglio del pargolo e della relativa madre al piano terra. Il bambino si chiama Gennaro, lo so per certo, non posso sbagliarmi.
Ore 10.00-12.00 Sottofondo di aspirapolveri, sedie spostate e porte che sbattono. Relativa calma.
Ore 12.00-14.00 E' l'ora della pappa. Con urla di richiamo alla caverna per i cuccioli, sottofondo di Beautiful e Tg oltre i decibel consentiti dall'umana sopportazione.
Ore 14.00-16.00 L'ora preferita per Oronzo e consorte per il litigio. Anche loro che si apostrofano rispettivamente con epiteti irripetibili che di sicuro non sono "credino" e "perdindirindina" e lo fanno rigorosamente out door. Sennò che sfizio c'è. In alternativa ad Oronzo e consorte o in appoggio sinfonico agli stessi c'è il Tizio con la macchina verde pisello. Lui deve ricaricare la batteria della suddetta auto con il carburatore rotto, sotto la mia finestra. E per farlo il Genio la lascia in moto 2 ore. La sua scusante è che: micalofatuttiigiorni. Chiaro.
Ore 16.00-19.00 Mentre il bimbo, Gennaro, gioca con le pentole e i cuppini inizia alternativamente il torneo di calcio o la corsa in bici degli adorabili avanzi di galera formato mignon sparsi nel circondario. Sempre e rigorosamente sotto la mia finestra. Il rimbalzo del pallone è condito da chiacchiere allegre sulle mamme dei componenti delle rispettive squadre. Talvolta vengono coinvolte anche le sorelle nelle discussioni.
Ore 20.00 prima di cena e non avendo smaronato abbastanza, è sano e giusto prendere il motorino modello rumorosissimo e scorrazzare su e giù.
Ore 22.00 Dopo cena riprende il torneo o la gara. Senza sosta. Pecchè e' criature song e' dio.

Sono convinta che anche Hemingway ha scritto Il vecchio e il mare esattamente nelle stesse condizioni. Ne sono sicura, anzi mi invidia.
Posta un commento