martedì 27 agosto 2013

America 2013 #7 Broadway. Scegli che spettacolo vedere

In taxi schiacciati sui sediolini in pelle nera raggiungiamo Broadway, il cuore pulsante di New York con i mille spettacoli in calendario, passiamo davanti al Moma. Abbiamo rinunciato ad andarci per via della fila che scorre lenta intorno a tutto l’edificio, “ripiegando” su un piccolo ma ben curato museo della fotografia.
La nostra mise non è delle più eleganti ma una valigia per tre settimane e due differenti temperature non può contenere tutto, si fa il possibile con una giacca e un paio di orecchini scintillanti.

Foto Marianna Sansone

Sono entusiasta di vedere uno spettacolo a Broadway, è un sogno che si avvera. Mamma mia! Poi è uno dei miei musical preferiti con la musica degli Abba e l’ambientazione su una piccola isola greca. La fila da fare per il controllo è composta per di più da turisti come noi che magari hanno programmato questa chicca nella permanenza a NY. Quando avevo scelto “Orchestra” come posti non avevo capito che saremmo stati proprio lì sotto il palco e in grado di sbirciare proprio i musicisti. Il teatro - Winter Garden - è bello e curato e lo spettacolo inizia puntuale. Da qui posso vedere gli attori/cantanti uno ad uno. Sono tutti stratosfericamente bravi. So che questa è un’industria e che sono anni che questo spettacolo va in scena, così come quelli nei teatri di tutta Broadway, ma la bravura sta nel fatto che ogni momento tutti sembra stiano facendo davvero il loro meglio, il massimo per gli spettatori.  


Quando lo spettacolo è finito non sapevo più che ore erano, Times Square avvolta in un’atmosfera fresca segnava con il suo celebre orologio la mezzanotte ma le strade erano un brulicare di persone e limousine da ogni angolo che confluivano come un fiume in piena verso chissà dove. 

Foto Marianna Sansone
Foto Marianna Sansone


L’ultima sera a NY non doveva essere sprecata neanche per una manciata di minuti e complice un piccolo languorino siamo entrati incuriositi da Bubba Gump (Shrimp e Co.), ispirato completamente a Forrest Gump. Vi sentirete proprio nel film ma andateci solo se vi piacciono i gamberi. Alla fine, arrivato il conto capirete finalmente come funziona in America con le mance, i tips. In media si lascia fra il 15% e il 20% un po’ ovunque. Da Bubba Gump troverete: lascia il 25% e più se hai mangiato meglio che da mamma! Ora è tutto chiaro. 

Foto Marianna Sansone
Foto Marianna Sansone


La cosa difficile è stato trovare un taxi che si fermasse, ma l’aspetto positivo della faccenda è che sul ciglio della strada con la mano alzata ti senti decisamente un po’ newyorkese.And that's all I got to say about that. 
Ma "domani" si riparte. Arizona we're coming!
Posta un commento